Ranza San Gimignano. Dopo l’incontro di lunedì scorso con la direttrice del carcere di Ranza Rosa Alba Casella, l’onorevole del Pd Susanna Cenni e il sindaco di San Gimignano Andrea Marrucci scrivono una lettera al Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede per richiedere un incontro urgente per denunciare le criticità e affrontare i grandi problemi strutturali, gestionali e organizzativi della struttura penitenziaria senese.

Ranza San Gimignano, la lettera al Ministro Bonafede

Siamo di nuovo in stato di emergenza per le situazioni di carattere strutturale e logistico che riguardano il carcere di Ranza, come le infiltrazioni dal tetto e le difficoltà di approvvigionamento idrico – si legge nella lettera di Cenni e Marrucci – Ma soprattutto non c’è all’orizzonte l’arrivo di una direzione stabile, e da due mesi, non ci sono né un comandante né un vicecomandante della polizia penitenziaria”.

ranza san gimignano
Da sinistra: Andrea Marrucci, Daniela Morbis e Susanna Cenni

La difficile vivibilità della struttura

Noi crediamo – concludono Cenni e Marrucci nella missiva- che in questa situazione sia molto difficile garantire vivibilità ai detenuti e condizioni di lavoro dignitose e sostenibili agli agenti di polizia penitenziaria. Per questo chiediamo un suo interessamento e intervento, innanzitutto per fornire alla struttura una direzione permanente, oltre che per affrontare tutti gli altri problemi e criticità di Ranza”.

LEGGI ANCHE:POGGIBONSESE A CADUTA LIBERA, SI CHIAMA CHEIKH

Leggi anche:  Nottilucente San Gimignano: vietate le bottiglie di vetro nel centro abitato

LEGGI ANCHE:ERBA ALTA ALLA ROTONDA: òA PROVINCIA NON LA TAGLIA, LO FA IL SINDACO LUNARDI