L’allarme arriva direttamente dalla Fiom: troppe imprese con ammortizzatori sociali in scadenza in Toscana.

Crisi Kme: proroga cassa integrazione

“Il ministero del lavoro il 3 aprile scorso ha emanato una circolare con la quale ha comunicato il rifinanziamento per l’anno 2020 della proroga del trattamento della cassa integrazione straordinaria per riorganizzazione e crisi aziendale della Kme”.

Lo ricorda Massimo Braccini, coordinatore nazionale Fiom Cgil Gruppo Kme.

Le risorse

Le risorse messe a disposizione sono limitate anche rispetto agli anni precedenti, ma è stata estesa anche per l’anno 2020, nel limite delle risorse disponibili, la possibilità alle imprese con rilevanza economica strategica, anche ubicate in più regioni, dove permangono esuberi, di poter richiedere la proroga dell’intervento straordinario di integrazione salariale.

Imprese con ammortizzatori in scadenza

Nel panorama toscano ci sono imprese con ammortizzatori in scadenza. La Kme gruppo di rilevanza nazionale con sedi in più regioni è una di queste. L’azienda sta portando avanti un programma di investimenti tutto da approfondire, ma che certamente avrà bisogno di essere accompagnato con ammortizzatori sociali.

“Alla Kme c’è da tradurre in termini produttivi complessivi la cessione delle barre e l’acquisizione di aziende. Il nostro obiettivo resta quello di saturare gli impianti, rilanciare gli stabilimenti, sviluppare e tutelare l’ occupazione dei siti nazionali”.

LEGGI ANCHE: MORTO IN GARA, ADDIO AL PILOTA