Tentano di spendere una banconota falsa. Hanno cercato di comprare due bibite con una banconota falsa da 50 euro, ma il negoziante si è insospettito e ha chiamato la Polizia di Stato.

Tentano di spendere una banconota falsa

E’ accaduto nel centro storico di Poggibonsi, dove i due minorenni, entrambi 17enni residenti a Colle Val D’Elsa, hanno provato a raggirare un commerciante.  L’uomo, ricevuto il denaro, si è però accorto, sia al tatto che visivamente, che qualcosa non andava nella banconota, e che c’erano elementi tali da farne presumere la contraffazione. Contestato che la valuta poteva essere falsa, i due ragazzi hanno cercato di convincerlo ad accettarla sostenendo che, a loro volta, l’avevano ricevuta come resto di un precedente acquisto in altro esercizio.

LEGGI ANCHE:Picchiava e minacciava la moglie di fronte ai figli minori

Il commerciante si è insospettito

Insospettito dal loro atteggiamento, l’esercente ha richiesto l’intervento della Volante del Commissariato. All’occhio esperto dei poliziotti non sono sfuggiti alcuni particolari, come la consistenza della filigrana, la mancanza del filo di sicurezza rilevabile in controluce, i colori di stampa e l’alterazione dell’ologramma, dai quali emergevano indubbi indizi di contraffazione. La banconota è stata, quindi, sequestrata e successivamente inviata alla Banca d’Italia per il definitivo giudizio di falsità.

Leggi anche:  Scuola Leonardo Da Vinci Poggibonsi: slitta la fine dei lavori

I due minori sono stati denunciati alla Procura della Repubblica

I due minori intanto sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Firenze e successivamente riaffidati alle famiglie data la loro giovane età. Il fatto commesso dai due giovani non è da sottovalutare in quanto la spesa di valuta falsa è un reato che fa leva sulla buona fede di chi riceve il denaro, recando pregiudizio alle attività economiche. Una volta che il contante alterato entra nei circuiti di pagamento, è infatti difficile evidenziarlo anche perché le sofisticate tecniche di contraffazione ne rendono sempre più complessa l’individuazione, in special modo quando la spesa avviene attraverso persone “insospettabili” quali i minorenni.

LEGGI ANCHE:Si perde nei boschi:ritrovato in tempi record

TORNA ALLA HOME