Misura cautelare: i poliziotti della Squadra Mobile hanno eseguito l’atto nei confronti di P.M., ventinovenne italiano, residente a Siena, reo di aver vessato, con minacce e violenze di varia natura, i propri conviventi.

Misura cautelare: l’uomo aveva problematiche di natura psichiatrica

Negli ultimi tempi, l’uomo, ha accusato problematiche di natura psichiatrica riconducibili, soprattutto, all’uso di sostanze stupefacenti, a cui hanno fatto seguito numerosi ricoveri ospedalieri. In questo lasso di tempo ha più volte adottato nei confronti dei familiari conviventi, la madre e il fratello, in particolare, abituali atti di violenza, minaccia, disprezzo, umiliazione e crudeltà, impostando i rapporti di convivenza a criteri di sopruso, vessazione e sopraffazione.  L’ultimo episodio risale al mese scorso, quando il ventinovenne ha aggredito la madre colpendola con schiaffi al volto a fronte del suo rifiuto di consegnargli denaro, nonché, all’ aggressione del fratello che si è visto puntare contro un coltello da cucina. 

Scampato pericolo

Il fendente non è arrivato a segno solo per la pronta reazione della vittima che, comunque, è stata attinta da una testata al volto che le ha provocato serie lesioni.  Soltanto nel mese scorso, si contano almeno cinque interventi delle Forze dell’Ordine, di cui tre, in particolare dei poliziotti delle volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico presso la stessa abitazione. A fronte di ciò, gli investigatori della Squadra Mobile hanno minuziosamente ricostruito non solo i rapporti familiari, ma anche tutti gli eventi delittuosi che hanno visto per protagonista M.P., attraverso un lavoro certosino caratterizzato anche dall’ascolto di numerose testimonianze e la segnalazione dei fatti violenti alla Procura della Repubblica di Siena. 

Agli arresti domiciliari

I suoi congiunti, hanno potuto tirare un sospiro di sollievo quando i poliziotti della Squadra Mobile ha sottoposto il giovane alla misura degli arresti domiciliari, con collocazione presso una struttura residenziale psichiatrica. L’uomo era noto alle Forze di Polizia, non solo per queste vicende. Negli ultimi tempi, infatti, si è reso responsabile di altri numerosi reati, come furto aggravato, danneggiamento, violenza privata, estorsione e, in un’occasione specifica, era già stato arrestato dalla Squadra Mobile per uno scippo commesso a Siena nei confronti di due anziane. 

LEGGI ANCHE: ALESSANDRO DONATI E’ SINDACO DI COLLE CON OLTRE IL 60%

Leggi anche:  Incendio nel bosco in provincia di Siena

LEGGI ANCHE: CONTROLLI SULLE ASSICURAZIONI: 1972 SANZIONI A FIRENZE NEL 2018