Maxi operazione di Polizia contro associazione eversiva di estrema destra. Sono in corso dall’alba numerose perquisizioni da parte di agenti della Digos della Questura di Firenze in provincia di Siena.

Maxi operazione di Polizia

Si tratta di un’operazione della Polizia di Stato di Firenze e Siena, coordinata dalla Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia presso il tribunale di Firenze. Gli indagati sono dodici soggetti appartenenti ad ambienti di estrema destra indagati per detenzione abusiva di armi legata alla costituzione di un’associazione a finalità eversiva.

Perquisizioni dall’alba

Le operazioni di perquisizione degli agenti Digos della Questura di Firenze sono coordinati dalla Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione – UCIGOS:  oggetto delle indagini uffici ed abitazioni in provincia di Siena.

La moschea di Colle nel mirino

Le perquisizioni sono iniziate dopo intercettazioni social a cui i dodici erano sottoposti per presunti fatti eversivi. Avrebbero inneggiato all’odio razziale, al fascismo: sarebbero persone di una certa età senza precedenti.Nel mirino degli indagati ci sarebbe anche la moschea di Colle di Val d’Elsa e l’intenzione di volerla fare saltare in aria con una condotta del gas. Questo emergerebbe dalle intercettazioni. L’azione non sarebbe stata realizzata perché un 60enne di Siena nostalgico delle SS sarebbe stato contattato dalla Polizia che aveva notato strani movimenti nei dintorni dell’edificio

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

LEGGI ANCHE:Professionista non paga le tasse: evasione fiscale in Val d’Elsa

Leggi anche:  Magazzino abusivo con oltre 46mila kg di pellet

LEGGI ANCHE:Scuola Leonardo Da Vinci Poggibonsi: slitta la fine dei lavori

TORNA ALLA HOME PER ALTRE NOTIZIE