“Non spaccio, acquisto solo droga” ma i carabinieri lo incastrano

Fra i prosciutti e i salami anche due pietre di cocaina purissima

 

“A ben vedere si spaccia in tutte le stazioni ferroviarie del mondo, ma c’è chi vende e chi acquista, ed io ho solo acquistato!”: così ha tentato di giustificarsi un 38enne albanese, residente in Veneto ma con lunghi trascorsi, non sempre commendevoli, nella nostra Provincia, arrestato ieri dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Siena. Forse l’affermazione non è del tutto vera, perché in scali ferroviari minimi, quelli da paesino, questo non succede, almeno non con regolarità, ma di certo i Carabinieri avevano deciso di fare qualche utile esperimento presso la stazione ferroviaria di Siena. Così, da un punto defilato e sopraelevato, con utilizzo di potenti cannocchiali e il contributo di molta esperienza, si erano messi ad osservare quell’umanità molto variegata che frequenta Piazza Rosselli.

L’uomo aveva una busta che teneva sempre con sè

Dopo un paio d’ore d’osservazione, mentre un’aliquota di pronto intervento in abiti civili stazionava proprio dentro la Stazione, gli osservatori hanno individuato un soggetto dal fare anomalo. Si era seduto a più riprese in diversi punti dell’ampio piazzale, recando seco una busta della spesa che, quando permaneva, apparentemente distratto, nei vari punti di quell’area, teneva a un paio di metri di distanza. “È normale?”: si erano chiesti i militari. “Perché tiene lontano la busta della spesa?” – Era come se, temendo di essere fermato dalle forze dell’ordine, si fosse precostituito una giustificazione. “Quella non è roba mia!”: avrebbe potuto dire. Lo straniero veniva dunque segnalato agli operatori in borghese, che lo avrebbero seguito, quando l’uomo avesse fatto ingresso in un bar per consumare una birra. Anche in questo caso aveva piazzato la busta su di una poltroncina, tenendola d’occhio a distanza. Quando poi, busta alla mano, si era mosso per raggiungere il binario e montare su un treno diretto a Firenze, sarebbe stato fermato da tre carabinieri in borghese dal fare molto deciso, perquisito e immobilizzato.

Leggi anche:  Danneggiamento aggravato interviene la Polizia

Fra i prodotti di enogastronomia anche due pietre di cocaina purissima

In quella busta misteriosa erano presenti alcuni fra i migliori prodotti dell’enogastronomia toscana, che evidentemente in nord Italia gli mancavano. E su tale aspetto il buon gusto non poteva essere contestato. Ma all’interno della busta i Militari hanno trovato anche due pietre di cocaina purissima, ancora da tagliare, in cellophane termosaldato. Al peso, poco più di un etto di sostanza. Naturalmente tutta quella roba non poteva essere destinata al consumo personale di un disoccupato che evidentemente sbarca il lunario in altro modo. “Cotta e mangiata!”: come si suol dire, nel giro di un paio d’ore l’uomo veniva associato al carcere senese di Santo Spirito per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo cocaina, a disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siena. I 35 mila euro che l’uomo avrebbe potuto guadagnare dalle vendita di quella roba non arriveranno mai, in compenso si prevede un bel processo.