Braccianti agricoli pagati a nero. A seguito di un’importante attività di polizia tributaria sviluppata dalle Fiamme Gialle senesi nei confronti di una società operante nel comparto agricolo, settore che riveste particolare pregio e rilievo per l’economia della Provincia, erano emerse numerose irregolarità, tra le quali anche retributive.

Braccianti agricoli pagati a nero

L’azione investigativa svolta, attuata secondo un approccio trasversale e multidisciplinare ai fenomeni illeciti, ha consentito infatti di disvelare come il soggetto economico si avvalesse di braccianti agricoli che, seppur formalmente assunti in modo regolare, erano in realtà retribuiti in larga parte “fuori busta”.
La minuziosa attività ispettiva condotta dai militari ha permesso di individuare il modus operandi, realizzato al fine di perseguire un duplice e reciproco guadagno, in quanto la strategia evasiva adottata permetteva un illecito risparmio d’imposta e contributi sia per la società che per degli stessi lavoratori. L’azienda, infatti, remunerava in modo sistematico i braccianti agricoli facendo confluire il 50% circa degli emolumenti in busta paga, mentre la restante metà veniva consegnata “in nero”.

Leggi anche:  Pioggia e maltempo: problemi di viabilità alla rotonda di Campostaggia

LEGGI ANCHE:Centro storico Poggibonsi: una mappa per segnalare i posteggi

Segnalazione immediata

Immediata la segnalazione da parte dei finanzieri ai competenti Uffici per le conseguenti procedure sanzionatorie e di recupero delle imposte e contributi evasi. Il contrasto all’economia sommersa e, più in generale, all’evasione e alle frodi fiscali costituisce una linea d’azione fondamentale nell’ambito delle funzioni di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza, non solo per i profili strettamente connessi al recupero delle somme illecitamente sottratte alle casse dello Stato, ma anche perché consente di arginare la diffusione dell’illegalità e dell’abusivismo che alterano le regole del mercato e danneggiano, in maniera particolare, i cittadini e gli imprenditori onesti.

LEGGI ANCHE:Forte pioggia: cede un muro a Firenze

TORNA ALLA HOME PER ALTRE NOTIZIE