San Gimignano affreschi a rischio: «Fate presto, il restauro non può più attendere – ha detto il sindaco Bassi – e ve lo stiamo dicendo da tempo».

San Gimignano affreschi a rischio, l’appello del sindaco Bassi:”Il restauro non può attendere”

E’ questo l’appello lanciato dal sindaco di San Gimignano Giacomo Bassi ad Agenzia del Demanio e Soprintendenza di Siena, Arezzo e Grosseto in merito agli affreschi di Benozzo Gozzoli all’interno della Chiesa di Sant’Agostino che, insieme al Torrione e al Convento, sono di proprietà dello Stato. I dipinti risalenti al 1465 «rischiano di frantumarsi come coriandoli», denuncia Daniele Rossi, uno dei più grandi restauratori italiani, su corriere.it.

Una criticità già nota alla Soprintendenza

«Ringrazio Rossi per essersi speso in prima persona nel far emergere una criticità che il Comune ha denunciato alla Soprintendenza alcuni mesi fa» sottolinea Bassi spiegando: «nell’autunno scorso ottenemmo un sopralluogo da parte della Soprintendenza che prese atto della situazione, ma da allora non abbiamo avuto più notizie». «Ricordo infine che la Convenzione di Parigi assegna in modo inequivocabile agli Stati Nazionali il compito di conservare, restaurare e valorizzare i Siti Unesco: invece oggi larga parte di questa responsabilità nei confronti dell’Umanità grava solo sulle spalle delle comunità locali e questo non è giusto» conclude Bassi.

Leggi anche:  Meno incidenti stradali ma più gravi. Occhiali "alcolvista" nelle scuole

LEGGI ANCHE: SAN GIMIGNANO ELEZIONI: SCAMBIO DI BATTUTE TRA I DUE CANDIDATI

LEGGI ANCHE: ELEZIONI EUROPEE: A CENA CON I CANDIDATI DEL PD