La terra continua a tremare in Val d’Elsa edopo le scosse percepite ieri alcune più lievi anche domenica che non fanno star sereni.

La terra continua a tremare

La terra continua a tremare in Val d’Elsa. Dopo le scosse di ieri notte che hanno fatto tremare la terra e le persone (per la paura) altre di assestamento sono state percepite in tutta questa mattina.

Riportiamo di seguito i consigli che si trovano sul sito della Croce Rossa in caso di terremoto

Se ti trovi in un luogo chiuso (casa, ufficio, scuola, locali)

Si, porta
Cerca riparo nel vano di una portainserita in un muro portante (quelli più spessi) o sotto una trave perchè ti può proteggere da eventuali crolli

Si, tavolo
Riparati sotto un tavolo, è pericoloso stare vicino a mobili, oggetti pesanti e vetri che potrebbero caderti addosso

No, scale
Non precipitarti verso le scale o l’ascensore, talvolta sono le scale sono la parte più debole dell’edificio e l’ascensore può bloccarsi ed impedirti di uscire

Leggi anche:  Pronto badante, riparte il progetto della Regione Toscana

Si, cassetta primo soccorso
Tieni in casa una cassetta di primo soccorso, una torcia elettrica, una radio a pile, un estintore ed assicurati che ogni componente della famiglia sappia dove sono riposti

Se ti trovi in un luogo aperto

Lontano da costruzioni
Allontanati da costruzioni e linee elettriche, potrebbero crollare

Lontano da impianti
Stai lontano da impianti industriali e linee elettriche, è possibile che si verifichino incendi

Lontano da acque
Stai lontano dai bordi dei laghi e delle spiagge marine, si possono verificare onde di tsunami

Si, aree di attesa
Evita di andare in giro a curiosare e raggiungi le aree di attesaindividuate dal piano di emergenza comunale perchè bisogna evitare di avvicinarsi ai pericoli

No telefono
Evita di usare il telefono e l’automobile, è necessario lasciare le linee telefoniche e le strade libere per non intralciare i soccorsi

No ponti
Se sei in auto non sostare in prossimità di ponti, terreni franosi o spiagge, potrebbero lesionarsi o crollare o essere investiti da onde di tsunami