Ennio Morricone è presidio culturale italiano come il Comune Gaiole in Chianti. A Roma, nell’Arena del Colosseo, il 6 giugno, in mezzo a tante personalità dello spettacolo, il maestro autore di centinaia di colonne sonore di successo, e vincitore di due premi Oscar, è stato insignito del prestigioso riconoscimento promosso da Cultura Italiae, alla presenza del ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli.

Tra gli invitati c’era il sindaco di Gaiole in Chianti, Michele Pescini, in rappresentanza del suo Comune, che nel 2017 è stato il primo Presidio culturale italiano riconosciuto da Cultura Italiae. Pescini, recentemente nominato Coordinatore nazionale dei Comuni Presidio Culturale Italiano dalla stessa associazione, ha donato a Ennio Morricone una copia del libro che parla del Chianti Storico dal titolo “La Valle del Chianti”, scritto da Renato Stopani. E il maestro sembra aver molto apprezzato il dono.

Una leggenda

“È stata una grande emozione indossare la fascia di sindaco nell’Arena del Colosseo accanto ad una leggenda come Ennio Morricone e in un’occasione speciale come la consegna del premio di Cultura Italiae – ha commentato il sindaco – Questo premio, di fatto è nato nel 2017 con Gaiole in Chianti. Quello di Cultura Italiae è un impegno per valorizzare le realtà italiane che spiccano in eccellenza e cultura. Dopo Gaiole, il premio è stato assegnato a Piero Angela, Andrea Camilleri e al maestro Ennio Morricone. Per il nostro territorio stare idealmente accanto a questi tre grandi nomi della cultura italiana è davvero un onore e una straordinaria opportunità. Abbiamo  accettato con piacere e con orgoglio l’invito del presidente di Cultura Italiae Angelo Argento. Egli ha sottolineato l’importanza della presenza di Gaiole in Chianti a Roma in qualità di primo presidio culturale italiano. Per questo abbiamo rimandato anche il Consiglio comunale di insediamento che era fissato per il 6 giugno e che si terrà il 14 giugno alle ore 18. Ritenevamo fosse troppo importante prendere parte all’evento”.
“A margine della cerimonia – ha proseguito Pescini – ho voluto donare al maestro Morricone una copia del libro La Valle del Chianti, che parla di come il Chianti sia nato a Gaiole e che noi consideriamo la nostra ‘Bibbia’, con evidente riferimento alle nostre origini e alla nostra identità culturale. E il maestro sembra aver molto apprezzato questo dono. Inoltre, per fare un omaggio alla mia comunità ho chiesto a Ennio Morricone di autografarmi l’altra copia del libro per lasciarla a futura memoria a Gaiole in Chianti”.